Consiglio Comunità, via libera all'assestamento

Nuova seduta lo scorso giovedì 3 agosto del Consiglio della Comunità di Primiero e in serata presentazione ufficiale del progetto preliminare di collegamento San Martino Rolle

I lavori del Consiglio della Comunità

Nelle comunicazioni iniziali il presidente della Comunità, Robereto Pradel è intervenuto sulla piscina locale e successivamente si è soffermato sull'importanza delle scelte future nel comparto sociale con il nuovo 'Punto argento' che sta per nascere, ma soprattutto sulle decisioni legate ai servizi locali.

Intervengono i consiglieri Daniele Gubert sul ruolo della Comunità e Lino Zeni sollecitando la soluzione del problema legato al numero unico di emergenza 112 che in valle non è ancora operativo (deviato sulla Centrale Carabinieri di Feltre per difficoltà tecniche). Il consigliere Nadia Fontan sottolinea che il problema è noto e la Provincia con la centrale Unica, sta operando per poter risolvere la situazione con gli operatori di telefonia mobile.

Si passa quindi all'Approvazione dello schema di accordo di programma per lo sviluppo locale e la coesione territoriale della Comunità di Primiero. Il presidente della Comunità, evidenzia alcuni dei principali interventi – pur nelle difficoltà di bilancio – che l'Ente sta realizzando concretamente in sinergia con i Comuni.

Dopo le serate di condivisione dei mesi scorsi, via libera quindi all'accordo con le varie Amministrazioni, che prevede tra gli altri, importanti interventi sulla ciclabile a Imèr e a 'Camoi', a San Martino di Castrozza con la realizzazione dello Ski service in zona Nasse, ma anche con la valorizzazione dell'Alta Via e con gli interventi di risparmio energetico nel Vanoi.

Segue un breve dibattito con gli interventi dei consiglieri Albert Rattin e Daniele Gubert. Subito dopo il punto viene approvato all'unanimità dai presenti.

Si passa quindi ai criteri per regolamentare l’ordine di accesso a finanziamento dei singoli interventi. Il Consiglio approva all'unanimità la scelta di procedere per priorità ad avanzamento lavori, nel budget assegnato.

Via libera al Bilancio di Previsione 2017-2019 con variazione di assestamento e controllo della salvaguardia degli equilibri. La responsabile del settore finanziario, Giacomina Meneghel evidenzia in particolare le difficoltà legate alle risorse certe e ai trasferimenti dalla Provincia.

Si passa infine alla presa d'atto del Documento Unico di Programmazione 2018-2020 che dovrà essere approvato entro novembre.

Durante il confronto in aula, è emersa anche la possibilità di acquistare come Ente un nuovo ecografo (costo circa 70mila euro) per il Distretto Sanitario di Primiero che si trova in difficoltà nell'acquisizione di nuove apparecchiature.

Si apre il dibattito con gli interventi dei consiglieri Daniele Gubert, Lino Zeni, Nadia Fontan, Aurelio Gadenz e di seguito Giacobbe Zortea.

Il presidente riepiloga infine gli investimenti in corso da parte della Comunità di Primiero. Tra gli altri:manutenzione sede, progettazione nuova scuola VallombrosaRiqualificazione piscina, mascheramento discarica Imèr con lavori già iniziatiPonte tibetano in Val Noana e Rio San Piero.

La serata è proseguita con la presentazione ufficiale da parte della Comunità di Primiero - presso l'oratorio di Pieve - del progetto preliminare di collegamento tra San Martino e passo Rolle.

Progetto Collegamento San Martino Rolle

In una sala gremita, alla presenza del Consiglio della Comunità di Primiero e dei Sindaci, si è tenuta la presentazione dello Studio economico, ambientale e territoriale per la mobilità complessiva tra San Martino e Rolle.

Nei saluti iniziali, il presidente Roberto Pradel ha spiegato che questo progetto non intende sfidare nessuno. “Non si tratta – ha evidenziato - di un mero collegamento sciistico ma di un vero e proprio sistema integrato di mobilità. Un nuovo modo di vivere passo Rolle. Una sfida vera per rinnovare l'intera area sciistica. E' un progetto che raccoglie spunti anche dal passato, ma propone soluzioni innovative per il futuro. Nessuno – ha continuato Pradel – intende imporre nulla a nessuno, questa è una proposta alla quale siamo giunti, dopo un confronto anche con le amministrazioni comunali.

Lo step uno con il bacino di Ces è stato concluso, per l'estate/autunno 2018 sarà realizzato lo step due con l'impianto in Valbonetta e infine il punto più atteso lo step tre, verso Rolle, che stiamo illustrando.

Voglio comunicare inoltre che nei prossimi giorni saremo a Trento dove ci verrà illustrata la soluzione progettuale scelta dalla Provincia per la Variante della strada di passo Rolle.

Desidero infine ringraziare – ha concluso Pradel - il Presidente Ugo Rossi e l'assessore provinciale Michele Dallapiccola (non presenti per il taglio tecnico della serata) per la collaborazione nell'attuazione del Protocollo d'Intesa siglato a Primiero”.

Il progetto preliminare San Martino Rolle, presentato a Primiero, è stato curato dallo Studio MonPlan con i tecnici Andrea Gobber, Herman Crepaz, Cristina Bancher e Giacomo Longo.