Primiero, Cento anni dopo Schützen e Alpini ricordano i Reduci di Isernia

News

Alpini e Schützen hanno sfilato insieme domenica mattina a Primiero, per ricordare i reduci prigionieri ad Isernia nel 1918. Una storia poco conosciuta, ma che nasconde tra le sue pieghe, il passato ancora vivo e molte sofferenze per una intera comunità.

A più di cento anni da quei giorni bui, la comunità locale ha deciso di dedicare un evento solenne agli ex combattenti austro-ungarici di Primiero, deportati nel campo di internamento a Isernia dal novembre 1918 alla primavera 1919.

Alla fine della Prima Guerra mondiale, quattrocentonovantotto trentini, orginari del Primiero e del Vanoi, già ritornati nei loro paesi al termine del conflitto, furono dichiarati prigionieri di guerra dall'esercito italiano e trasferiti ad Isernia, insieme a centinaia di altri trentini e veneti, che avevano combattuto con l'esercito austroungarico.

Considerati tedeschi dagli italiani e italiani dai tedeschi, vissero un durissimo periodo di incertezza e vennero costretti a lavorare in una terra per loro straniera. La loro vicenda fu a lungo dimenticata e tramandata solo dalle famiglie che ne furono coinvolte.

La commemorazione

La commemorazione di domenica mattina, è iniziata con una solenne celebrazione religiosa alle 10.30 - presieduta dal decano di Primiero, don Giusepe da Pra - nella Chiesa Arcipretale di Fiera alla presenza del presidente della Comunità di Primiero con i sindaci del territorio che portavano la fascia tricolore e i molti rappresentanti delle associazioni locali.

In prima fila anche il presidente del Consiglio regionale, Roberto Paccher, il Presidente del Consiglio provinciale, Walter Kaswalder e il direttore della Fondazione Museo Storico del Trentino, Giuseppe Ferrandi.

Al termine della solenne celebrazione liturgica, un lungo corteo - sulle note della banda di Primiero - con penne nere e cappelli piumati a sfilare insieme portando una corona con la scriitta "Primiero Ricorda", fino alla chiesa della Madonna dell'Aiuto, dove sono intervenute le autorità presenti, ricordando l'importanza di questo evento.

Nel segno della Pace

Il presidente della Comunità di Primiero, Roberto Pradel si è soffermato sull'importanza e sul valore della pace, senza dimenticare il nostro passato e i personaggi che hanno unito popoli e generazioni.

Il presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder, ha evidenziato il valore della storia trentina, di fondamentale importanza anche per le nuove generazioni.

Il presidente del Consiglio regionale Roberto Paccher ha invece annunciato che sosterrà la richiesta di un atto formale, indirizzata al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, da parte degli abitanti del Primiero, per ricordare i reduci trentini che furono arrestati dopo la fine del primo conflitto mondiale e internati a Isernia, senza averne mai saputo le ragioni, "Un atto formale, ancorché simbolico, come segno di riconciliazione e ricompensa per l'ingiustizia subita dai cittadini di Primiero".

Il direttore del Museo storico, Giuseppe Ferrandi ha ricordato quanto sia importante un evento come quello di Primiero per non dimenticare il passato, soprattutto alla luce degli eventi di cronaca di questi giorni, che richiamano periodi molto bui.

Dopo i discorsi delle autorità presenti, il Corpo musicale folcloristico di Primiero ha intonato le note dell'Inno europeo per la scopertura - da parte di una giovane -, di una lapide di ricordo dei reduci trentini, posizionata sulla Torre civica di Fiera di Primiero.

Una memoria che rimarrà viva anche ai posteri, evidenziando la storia degli ex combattenti austro-ungarici di Primiero deportati nel campo di internamento ad Isernia nel 1918.

La lapide sulla Torre civica

Particolarmente significativo il testo della lapide sulla Torre civica di Fiera di Primiero:
"In memoria degli ex combattenti austro-ungarici di Primiero che qui radunati furono deportati nel campo di internamento di Isernia in Molise novembre 1918 - primavera 1919. Primiero ricorda riconoscente, marzo 2019".

Nelle prossime settimane, si terrà anche un viaggio della memoria organizzato dagli Schuetzen di Primiero e della Valsugana - con altre cerimonie ufficiali a Isernia - per non dimenticare questa importante pagina di storia della comunità trentina.