Piano Sociale della Comunità di Primiero

La Comunità di Primiero dall’inizio del 2011 si è impegnata nei processi di pianificazione, per la composizione del Piano Sociale di Comunità (PSC), strumento di programmazione delle politiche sociali del territorio, integrando i servizi presenti con nuovi progetti ed azioni, per fornire risposte innovative ai bisogni emergenti.

A questo scopo l’articolo 13 della L.P. 13/2007 prevede l’istituzione di un Tavolo Territoriale, quale strumento di supporto al processo di pianificazione, organo di consulenza e di proposta con funzione di lettura dei bisogni, delle risorse e di definizione condivisa e partecipata della proposta di PSC.

La composizione del Tavolo Territoriale, ai sensi dell’art. 13 comma 4 della L.P. n. 13/2007, assicura un’adeguata rappresentanza dei comuni, del distretto sanitario, dei servizi educativi e scolastici, delle parti sociali e, per almeno un terzo del totale dei componenti, di membri designati dal terzo settore operanti nel territorio della Comunità. In relazione alla specifica realtà di Primiero si è ritenuto opportuno estendere la rappresentanza al tavolo alle Aziende Pubbliche di Servizi alla Persona (A.P.S.P.), importante servizio del nostro territorio.

Per la definizione dei rappresentanti del terzo settore sono stati organizzati preliminarmente degli incontri informativi sul territorio, attraverso l’iniziativa “Partecipo o delego”. Nella prima fase si è proceduto alla nomina di 4 rappresentanti del terzo settore nell’ambito socio–assistenziale e socio–sanitario. Nel corso degli incontri informativi “Partecipo o delego”, organizzati con la collaborazione delle Amministrazioni Comunali, hanno aderito le associazioni riportate nella tabella visibile qui:

Elenco delle associazioni


In seguito si è deciso di estendere la rappresentanza del terzo settore ad altri 4 componenti per ambito: socio-ricreativo, culturale, sportivo, rappresentativo del tessuto sociale del territorio (il linea con la scelta di sviluppare un piano sociale in senso ampio). Il risultato finale vede quindi seduti al Tavolo Territoriale 8 rappresentanti per il terzo settore.

Nella seduta dell’Assemblea della Comunità di Primiero del 14 luglio 2011 è stato approvato il Documento Preliminare d’Indirizzo al Piano sociale di Comunità con Delibera Assembleare n°24. Il Documento Preliminare d’indirizzo al Piano Sociale della Comunità di Primiero delinea alcuni temi cardine, in particolare pone al centro la famiglia, che al suo interno vede la presenza di minori - adolescenti, giovani, adulti, anziani, disabili con i loro bisogni.

Documento preliminare d'indirizzo al PSC - PDF


Il Tavolo Territoriale per la pianificazione sociale è stato approvato dall’Assemblea della Comunità di Primiero con Delibera Assembleare n° 26 del 14.07.2011.

9 RAPPRESENTANTI NOMINATI PER DIVERSI SETTORI
4 rappresentanti per i comuni Cinzia Renon, Sandrina Iagher, Stefania Lott, Daniela Sperandio
1 rappresentante per il distretto sanitario Alberto Crestani
1 rappresentante per il settore sociale Michela Tomas
1 rappresentante per i servizi educativi e scolastici Dino Zanetel
1 rappresentante per le parti sociali Mariano Turra
1 rappresentate per le A.P.S.P. Silvio Moz
8 RAPPRESENTANTI NOMINATI PER IL TERZO SETTORE
Socio – sanitario Tiziano Gobber
Disabilità/anziani Ferruccio Pistoia
Intercultura Luca Bettega
Famiglia /minori Tatiana Donazzan e Martino Orler
Ricreativo/sportivo culturale Donatella Lucian e Marina Fontana
Lavoro/casa/formazione Marisa Debertolis

Con Delibera Assembleare n° 27 è stato approvato anche il regolamento di funzionamento del Tavolo Territoriale.

Regolamento Tavolo sociale


Va sottolineato che i momenti informativi e di confronto con i Sindaci, con il tavolo di coordinamento degli assessori alle politiche sociali dei Comuni e con la Commissione Assembleare “Politiche sociali e sanitarie, scuola e formazione”, hanno portato alla stesura e successiva approvazione da parte dell’Assemblea dei documenti sopraelencati.

In linea con tale obiettivo, l’Assemblea ha consegnato al Tavolo la volontà di aderire al progetto provinciale Distretto Amico della Famiglia (Libro Bianco a sostegno della famiglia e della natalità) in un’ottica d’integrazione strategica fra le politiche per mantenere o migliorare la qualità della vita per tutti i cittadini (livello sociale), partendo proprio dalle categorie in difficoltà (livello socio-assistenziale).

La Comunità di Primiero si è attivata inoltre per dotarsi di ulteriori strumenti per coordinare e supervisionare i processi di pianificazione, sia il PSC che il Piano territoriale.

Per questo ha istituito con Delibera di Giunta n°82 dd. 16/06/2011, lo “Staff di pianificazione”, che si è riunito e si riunirà periodicamente per garantire l’intreccio delle diverse politiche in entrambi i percorsi pianificatori, sociale e territoriale/urbanistico. Esso è costituito da:

  • Presidente della Comunità.
  • Assessore all’urbanistica e all’ambiente.
  • Assessore al welfare.
  • Assessore alle attività economiche e produttive.
  • Presidente della Commissione Assembleare “Pianificazione territoriale, urbanistica, opere pubbliche, servizi pubblici”.
  • Presidente della Commissione Assembleare “Politiche sociali e sanitarie, scuola e formazione”.
  • Presidente della Commissione Assembleare “Attività produttive, lavoro, turismo”.
  • Responsabile del settore tecnico.
  • Responsabile del settore sociale.
  • Segretario dell’Ente.
  • Facilitatore di Comunità.
  • Collaboratore di supporto ai processi di pianificazione.

La Comunità si è inoltre organizzata nel costituire un Ufficio di Piano composto da:

  • L’Assessore al welfare.
  • Il Responsabile del settore sociale.
  • Il facilitatore di Comunità.
  • Il collaboratore di supporto ai processi di pianificazione.
  • Il responsabile del centro “LeReti”.

Questo gruppo di lavoro si è dedicato in particolar modo all’elaborazione della documentazione prodotta nel Tavolo Territoriale Sociale, la raccolta ed elaborazione dati, ponendosi come garante del percorso per la condivisione delle fasi necessarie alla definizione del Piano sociale, curando in particolar modo la metodologia utilizzata, la definizione delle fasi corrette da percorrere, l’attenzione al coinvolgimento e partecipazione del territorio e dei Componenti del Tavolo Territoriale.

Si segnala inoltre l’apporto da parte della Commissione Assembleare “Politiche sociali e sanitarie, scuola e formazione” e del Tavolo di coordinamento degli Assessori Comunali, nel condividere con tutti gli organi e soggetti coinvolti le fasi fino ad oggi percorse.

Il Tavolo Territoriale Sociale, dopo la sua formale approvazione il 14 luglio 2011, si è riunito da agosto 2011 a marzo 2012 in 10 occasioni.
 
La partecipazione dei componenti del Tavolo Territoriale è stata molto attiva e sentita. La presenza dei membri designati agli incontri del Tavolo ha fatto registrare una partecipazione costante e assidua; nelle poche assenze registrate, i soggetti assenti si sono sempre attivati preventivamente per giustificarsi, assicurandosi nei giorni successivi agli incontri del Tavolo di avere le informazioni sulla prosecuzione dei lavori.
Nel Piano Sociale della Comunità di Primiero la lettura dei bisogni, ottenuta attraverso un processo di rilevazione, è frutto non solo del lavoro impegnato e responsabile svolto nelle sedute del Tavolo Territoriale Sociale, ma anche dal processo di partecipazione e di ascolto che la Comunità ha voluto avviare con tutto il territorio attraverso focus group, tavoli tematici e incontri allargati e individuali con i soggetti significativi del territorio, che hanno permesso il completamento dell’analisi dei bisogni socio-assistenziali, socio-sanitari e sociali in senso ampio.
La rilevazione delle priorità tra i bisogni emersi trova compimento nel PIANO ATTUATIVO 2012, strumento di attivazione di azioni puntuali alle criticità evidenziate.
 
 
Il Piano Sociale della Comunità di Primiero è stato approvato dall’Assemblea della Comunità di Primiero, con Delibera Assembleare n°9 dd. 2 aprile 2012.

Piano Sociale della Comunità di Primiero

La prosecuzione dei lavori sarà incentrata sulla realizzazione delle azioni indicate nel Piano Attuativo e ad una successiva "Valutazione" del percorso di pianificazione.


Documentazione

I processi di pianificazione si basano su un’analisi approfondita del contesto socio-economico del territorio. È quindi intento della Comunità fornire una base conoscitiva per poter realizzare un inquadramento generale della realtà del Primiero.

I seguenti documenti forniscono una fotografia di tale realtà in merito alla demografia, al lavoro, alle imprese, all'istruzione, al mondo Cooperativo e alla sicurezza.

Profilo demografico

Profilo demografico della Comunità di Primiero

Profilo dell'istruzione

Profilo dell’istruzione nella Comunità di Primiero

Profilo sicurezza

Profilo della sicurezza nella Comunità di Primiero

Profilo delle imprese

La situazione delle imprese della Comunità di Primiero

Profilo delle realtà cooperative

La situazione delle realtà cooperative nella Comunità di Primiero

Profilo lavorativo

Profilo della realtà lavorativa nella Comunità di Primiero